Testata_La voce dello spettacolo.png

Sanremo 2020, il gioco di Spotify che sta facendo impazzire Twitter. Ma quel Peppino di Capri...

Festival di Sanremo 2020: Spotify Italy in queste ore ha lanciato sul proprio canale Twitter un gioco al quale stanno partecipando già migliaia di utenti, ponendosi tra i trend del fine settimana del popolare social network. A poche ore dall'inizio di Sanremo 2020, Spotify ha chiesto: "La canzone che ha vinto Sanremo nel tuo anno di nascita descrive la tua situazione sentimentale. Come siamo messi?".

Festival di Sanremo 2020, Spotify: "Come siamo messi?"


Ovviamente si attendono anche le risposte ed i retweet di personaggi celebri, ma a fare la parte del leone, almeno per il momento, è Peppino di Capri, anch'egli in forte tendenza tra gli utenti. Peppino di Capri ha vinto per due volte il Festival di Sanremo, nel 1973 con il brano Un grande amore e niente più e tre anni dopo nel 1976 con la canzone Non lo faccio più.


Bene Spotity e Sanremo, ma l'età?


Il divertente game sul Festival di Sanremo 2020 lanciato da Spotify Italia, quindi, al momento sta mostrando l'età degli utenti di Twitter, "avanzata" per così dire rispetto agli altri social network, e l'età altrettanto avanzata degli spettatori della manifestazione canora più importante d'Italia. Il Festival, però, sta provando in ogni modo a svecchiarsi con un processo cominciato due anni fa e ripetuto lo scorso anno da Baglioni e ancora quest'anno con il conduttore nonché direttore artistico Amadeus.

"Sarà un bel festival"


Sul palco del Teatro Ariston, com'è ormai noto, ci saranno anche cantanti molto in voga tra i più giovani come Achille Lauro, Rancore, Elettra Lamborghini, Junior Cally ed altri. Intanto, proprio in merito all'organizzazione del Festival, Rosario Fiorello sempre su Twitter ha pubblicato una foto che lo vede ritratto insieme ad Amadeus e ad Emma Marrone, tra i super ospiti dell'evento. "Sì dài Sanremo sarà un bel festival", ha scritto Rosario Fiorello.

  • White Facebook Icon
  • Bianco Instagram Icona

Questo blog è stato creato da Annalibera Di Martino