Testata_La voce dello spettacolo.png

Gf Vip 2020, Antonella Elia fa piangere Alfonso Signorini

Momenti di pura emozione al Grande Fratello Vip per Alfonso Signorini, Antonella Elia ed un'altra concorrente del Grande Fratello.


Antonella Elia nelle scorse giornate si è lasciata travolgere dalle emozioni ed ha raccontato ad altri concorrenti il suo rimorso di non essere diventata madre. Alfonso Signorini in diretta riprende quel momento e chiede alla protagonista come mai non abbia scelto di diventare mamma: "Ero troppo nella lotta intensa per la sopravvivenza a tutti i costi. - dice Antonella Elia- Sopravvivere in due sarebbe stato ancora più difficile". Qualcosa tocca il giornalista e, con la voce rotta, ritorna in diretta per commentare le sue parole, si percepisce la sua commozione, forse per la stessa malinconia che vive la concorrente.


Lottare al Grande Fratello Vip 2020


L'argomento tocca anche Adriana Volpe, una delle concorrenti, che per diventare madre ha dovuto lottare ed ha parlato anche di contratti, in riferimento a quelli da lei firmati per la Rai: "Nei nostri contratti fino al 2011 si firmava 'in caso di gravidanza' l'artista deve dare immediata comunicazione all'azienda e l'azienda può recidere il contratto, nulla sarà dato e nulla sarà dovuto. Ogni anno che andavo a firmare chiedevo di cambiare quella clausola e non c'era nessun'altra interpretazione. Quindi una donna che poteva contare sul lavoro di 9 mesi, se fosse rimasta incinta, c'era questa spada di Damocle. L'unico modo per cambiare le cose è far parlare i giornali".


Un racconto che colpisce


Anche Wanda Nara si è commossa in diretta sull'argomento: "Mi ha colpito tutto il racconto di Antonella. Per una donna non è facile voler essere mamma. Ho scelto di essere mamma giovanissima ed ho delle responsabilità fino alla fine. Antonella ti vedo piena di allegria ed energia e per diventare mamma non c'è un'età. Ti auguro di innamorarti e di coronare il tuo sogno".

  • White Facebook Icon
  • Bianco Instagram Icona

Questo blog è stato creato da Annalibera Di Martino