Testata_La voce dello spettacolo.png

Festival di Sanremo 2020, la conferenza stampa: tutto quello che c'è da sapere

E’ ormai tutto pronto per il Festival di Sanremo: ecco tutto quello che c’è da sapere. I dettagli della 70esima edizione, per la direzione artistica di Amadeus, sono stati presentati pochi minuti fa in conferenza stampa. L’evento per i media si è tenuto presso il Teatro del Casinò di Sanremo. Il Festival andrà in onda su Rai1, il 4, 5, 6, 7 e 8 febbraio 2020. Già noti i big, mancavano ospiti e altri dettagli rivelati dallo stesso Amadeus in conferenza stampa, arrivato insieme ad alcune delle presentatrici che lo affiancheranno nel corso delle serate.


Festival di Sanremo 2020: gli interventi in conferenza


Ad aprire i lavori il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri che ha ringraziato Amadeus, salutato i giornalisti ed augurato a tutti buon festival: "Per Sanremo è un momento di grandissima promozione. Il lavoro è stato svolto nella giusta maniera. Si prospettano novità interessanti". In un filmato proiettato subito dopo, nel corso dell'intervento del presidente di Rai Antonio Marano, è mostrato il "network" del Festival, insieme alla conferma della partecipazione di Fiorello, Tiziano Ferro, Roberto Benigni e Mara Venier.

Amadeus: "Sanremo è di tutti. Uscirò dall'Ariston"


"Sanremo è un evento. Sono tranquillo perché è un sogno che si realizza. Quello che si vede nello spot è realtà. - ha detto Amadeus - Presentare il Festival è quello che nella vita non avrei mai immaginato per me. Il mio pensiero è quello di fare un Festival imprevedibile, non adagiandomi sulle 69 edizioni precedenti. Volevo fare un Sanremo con un occhio al passato ma che guarda al presente ed al futuro. E' l'intera città che deve pulsare durante quella settimana. Il grande evento sarà nel Teatro Ariston ma accadranno cose importanti anche fuori dall'Ariston. Nessun conduttore, forse solo Fabio Fazio, è uscito dall'Ariston. Io uscirò fuori. Tra palco e città, Sanremo sarà partecipe completamente.


Sanremo è di tutti, è della gente, della stampa, dei conduttori, di tutti. Non c'è niente che possa coinvolgere. L'idea era di non fare una cosa già vista. Sono partito dalla presentazione dei big il 6 gennaio. Ho pensato: 'Chi potrebbero essere le due donne?'. Poi mi sono detto: 'Ma perché devono essere due le donne?'. Per i cantanti non ho mai pensato di agevolare nessuno, con alcuni ci siamo presentati il 6 gennaio. La cosa più bella per me è la musica. Ho ascoltato 842 giovani e 200 canzoni dei big. Non ci ho dormito la notte ma è la cosa che mi è piaciuta di più in assoluto. Sono orgoglioso dei 24 che porteremo all'Ariston. Ho pensato all'attualità, non a una canzone 'sanremese'.

Rosario Fiorello, Tiziano Ferro, Roberto Benigni


Con Fiorello ci siamo promessi che se un giorno avessi dovuto fare Sanremo, lui doveva essere con me. Gli ho prenotato la camera davanti a me. Rosario è un fratello che è con me in questa avventura. Lo stesso è per Tiziano Ferro. Mi ha detto: 'Sono felice di venire a cantare a Sanremo'. E io gli ho detto: 'Sì, ma tutte le sere'. Benigni? Sono un suo fan da sempre. Mi chiama in tutte le maniere: Romoletto, Amedeus, Sebastiano. E mi va bene. Roberto è il top. Ad alcuni artisti non chiedo mai cosa faranno: sono certo che quello che faranno sarà indimenticabile.


Festival di Sanremo 2020: c'è anche Monica Bellucci


Avrò il piacere di avere con me Antonella Clerici, Laura Chimenti, Diletta Leotta, Francesca Sofia Novello, Emma D’Aquino, Rula Jebreal, Sabrina Salerno, Alketa Weysiu e Mara Venier. Monica Bellucci sarà con me probabilmente il mercoledì".

  • White Facebook Icon
  • Bianco Instagram Icona

Questo blog è stato creato da Annalibera Di Martino